Ischia

Ischia è la più grande delle isole del golfo di Napoli, consta di sei comuni: Ischia Porto, Casamicciola, Forio, Lacco Ameno, Barano d’Ischia e Serrara Fontana. Detta “Isola Verde” per la rigogliosa vegetazione, Ischia è dominata dal monte Epomeo, un vulcano spento.

Un tempo collegata alla terraferma, presenta caratteristiche morfologiche e vulcaniche analoghe a quelle dei Campi Flegrei. Dell’antica origine vulcanica restano tracce nelle numerose sorgenti termali e fumarole, presenti sulle coste e sul fondo marino, che ne hanno fatto una rinomata meta turistica del benessere.




L’isola fu una delle prime località d’Italia occupate da coloni greci, fino all’eruzione del 500 a.C., che condusse Ischia nella sfera d’influenza di Neapolis della quale assorbì i culti (Apollo), i costumi e la cultura.

castello aragonese

Il comune con il maggior numero di turisti è quello di Ischia Porto, dove si trovano molti alberghi, negozi e locali tipici. Si trovano qui Corso Vittoria Colonna e Via Roma, le strade più conosciute per lo shopping. Dal porto, si sviluppa un litorale sabbioso lungo 3 km, che conduce ad Ischia Ponte, un piccolo borgo di pescatori, caratterizzato dall’isolotto del Castello Aragonese, di epoca medievale, simbolo delle lotte condotte dagli abitanti dell’isola per fronteggiare gli attacchi saraceni.

Il castello Aragonese, il monumento più visitato dell’isola, fu costruito dal tiranno Gerone di Siracusa nel 474 a.C. Giunti sulla sommità della rocca, da non perdere la Cattedrale dell’Assunta che vide nel 1509 le fastose nozze tra Ferrante d’Avalos e Vittoria Colonna, con la cripta che custodisce gli affreschi della scuola di Giotto.

Il comune di Casamicciola è, invece, centro di vacanza balneare e termale. Da qui si può raggiungere il colle della Sentinella, dove ha sede l’osservatorio astronomico, e la vetta dell’Epomeo, da cui si può ammirare un panorama mozzafiato.




Il comune di  Lacco Ameno sorge ai piedi del monte Epomeo, ed è caratterizzato dal famoso “fungo” nell’acqua, un particolare isolotto roccioso. Da non perdere i Giardini Termali Negombo, Il Museo archeologico di Pithecusae, la Chiesa ed il Museo di Santa Restituta. La sera è bello perdersi tra i locali ed i bar della zona.

baia di sorgeto

Forio d’Ischia è una borgata su un promontorio. Sul paese svetta un torrione cilindrico, utilizzato come vedetta per difendersi dagli attacchi saraceni nel medioevo. Sulla punta del promontorio si trova il Santuario del Soccorso e da qui si può godere di una meravigliosa vista sul golfo di Gaeta. Qui si trovano alcune delle più belle spiagge dell’isola. La spiaggia di Citara è ricca di risorse termali e vi si trova il famoso parco termale Giardini Poseidon. La spiaggia di Cava dell’Isola è  l’unica spiaggia completamente libera di Ischia, frequentata prevalentemente da giovani, poco distante dalla spiaggia di Citara. La spiaggia di San Francesco, una bellissima spiaggia sabbiosa nell’omonima baia, sotto il costone di Punta Caruso.

La spiaggia della Chiaia, molto frequentata dalle famiglie con bambini, si estende da dopo la baia di San Francesco sino al porto di Forio, a pochi metri dal centro. Infine, la Baia di Sorgeto che, come quella di Cetara, è ricca di conche naturali dove l’acqua termale bollente proveniente dal sottosuolo si mischia con l’acqua marina. Qui è possibile fare il bagno in mare nell’acqua calda anche nei mesi invernali.
Questa caratteristica particolare rende Ischia meta ogni anno di migliaia di turisti, che non possono perdersi la possibilità di vivere questa esperienza unica. Oltre Forio, un sentiero conduce alla Punta Imperatore e alle fumarole del villaggio di Cuotto.




Sant’Angelo d’Ischia è, invece, un borgo incantevole costituito da case di pescatori arroccate e caratterizzato da un istmo di terra che conduce a un promontorio roccioso. Un luogo unico da godere a piedi.

Nei pressi di Sant’Angelo si trova la Spiaggia dei Maronti, una delle più belle e più conosciute dell’isola, circondata da maestose colline e fitte rupi che nascondono numerose cave, sede di sorgenti di acque termali come la “Cava Scura”.
Lunga circa 3 km, il suo nome deriva dal greco e fu tradotto in latino con il termine “quatior” che significa “spiaggia tranquilla”.Una parte di questa spiaggia è compresa nel comune di Serrara Fontana, ma la parte maggiore si trova nel Comune di Barano d’Ischia. E’ raggiungibile con una strada panoramica che scende a tornanti dal paese di Barano, oppure in barca dal porticciolo di Sant’Angelo. Una nuova opera di ampliamento oggi permette l’accesso pedonale anche da Sant’Angelo.

Il borgo di Serrara Fontana, contorniato dal borgo di Barano d’Ischia e da altri villaggi si trova tra le colline ad un’altitudine di 452 metri ed offre uno dei più spettacolari panorami ischitani.

Ischia accoglie oltre 6 milioni di visitatori  ogni anno, attratti da una terra morfologicamente viva e piena di colori.

L’isola è raggiungibile dal porto di Napoli (molo Beverello), dal molo di Mergellina e dal porto di Pozzuoli.

di Silvia D’ Eboli

(Visited 138 times, 4 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *