Villa Pignatelli: La casa-museo di Napoli

La Villa Pignatelli, ospita il Museo Principe Diego Aragona Pignatelli Cortes.
Voluta nel 1826 dal baronetto Sir Ferdinand Richard Acton (figlio di John Acton, primo ministro di Ferdinando I), la villa venne realizzata da Pietro Valente cui successe nel 1830 Guglielmo Bechi.

Nel 1867 la villa fu ceduta ai Pignatelli Cortes d’Aragona che ne furono proprietari fino al 1952, quando la principessa Rosina Pignatelli ne fece donazione allo Stato Italiano perché fosse trasformata in un museo destinato a perpetuare il nome del marito, il principe Diego Aragona Pìgnatelli Cortes.




Il giardino modellato all’inglese, mosso nel disegno dei viali e variegato nella scelta delle piante disposte “a boschetto”, è stato progettato da Guglielmo Bechi.

L’attuale disposizione rispetta l’impianto originario. Tra le specie più belle e rare esistenti oggi sono da segnalare la Araucaria excelsa, la Grevillea Robusta, il Ficus Magnolioides, la Strelitzia Augusta, tipi diversi di Cycadaceae e palme di vario genere.
All’interno della villa sono esposti argenti, bronzi, porcellane, smalti, cristalli. Nel 1998 fu allestita la pinacoteca a cura del Banco di Napoli.

Sede: Riviera di Chjaia, 200 – 80121 Napoli
Telefono e fax: 081.7612356

(Visited 30 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *